venerdì 18 marzo 2022

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

 di

Richard Bach

Ph Francesca Lucidi

Anno di Pubblicazione 2018 (1°1970)
Editrice BUR Rizzoli
Prezzo di copertina €10,00
Fotografie di Russell Munson
Traduzione di Beatrice Masini
NUOVA EDIZIONE CON ULTIMO CAPITOLO INEDITO

DALL’ALETTA INTERNA

Il gabbiano Jonathan Livingston non è come tutti gli altri. Là dove i suoi simili, schiavi di becco e pancia, si limitano a composti viaggetti per procurarsi il cibo inseguendo le barche da pesca, lui intuisce nel volo una bellezza e un valore assoluti. Tanto basta per meritargli il marchio dell’infamia e l’allontanamento dallo Stormo Buonappetito.

TEMI

Un racconto mistico e messianico; una riflessione sul coraggioso e necessario esercizio della libertà, sul dovere di sorvolare la mediocrità proposta all’uomo come unica via. L’omologazione che soffoca le passioni e le inclinazioni personali è come lo Stormo Buonappetito: promette il solito pasto, il consueto annullarsi nel produrre e consumare in una velocità stereotipata, con una vista limitata e un corpo dal quale non si chiede altro di quello che ci autoimponiamo mutilandoci con la rinuncia, la ripetizione non benefica. L’esercizio salubre qui non ha uno “scopo”, è inteso come allenamento: una pratica naturale per gli esseri viventi, che modifica l’esistenza e guida le inclinazioni e gli animi. Prendere i pesci non è il fine, lo scopo, di cui si accontenta il gabbiano Jonathan, e Bach attraverso la sua figura riconduce l’uomo alla sua responsabilità di entità pensante, di pensiero incarnato. Dopotutto la realtà è impossibile da conoscere in modo diretto: le convinzioni, le tradizioni e le convenzioni permettono solo una proiezione di essa; appunto per questo è il pensiero il più importante apparato “biologico” che permette di vedere, volare, espandersi fino trovare la corrente giusta dell’assenza di paura.

Tre parti già note ai lettori; una quarta parte aggiuntiva figlia dello stato sperimentato dall’autore dopo il terribile incidente aereo del 2012. La storia acquista così una nuova forza: dalla parabola si passa alla disamina, alla denuncia, allo sbugiardare orgoglioso di chi è pronto a donare e donarsi alla libertà. 

L’AUTORE

Richard David Bach nasce il 23 giugno del 1936 ad Oak Park, luogo di nascita anche dello scrittore Ernest Hemingway; attualmente vive a Seattle. 

Fu pilota riservista dell’aviazione militare degli Stati Uniti d’America, pilota acrobatico e meccanico aeronautico. Ha avuto due divorzi prima del terzo matrimonio con Sabryna Nelson-Alexopoulos. 

Nel settembre del 2012 ha un gravissimo incidente con il suo idrovolante; viene ricoverato in ospedale in condizioni critiche: tutto a causa di un cavo elettrico. Esce dall’ospedale dopo mesi. L’incidente lo spinge a pubblicare una quarta parte del suo grande successo letterario IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON, grazie alla moglie Sabryna complice di aver recuperato vecchi appunti. 

Di questo importante particolare ne parleremo tra qualche riga, tranquilli. 

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

DA REIETTI A MESSIA. LA RIVOLUZIONE DI UN’ILLUMINATA IDEA DI LIBERTÀ

«Tu non capisci. La mia ala. Non riesco a muovere l’ala.»

«Gabbiano Maynard, tu sei libero di essere te stesso, il tuo vero te stesso, qui e ora, e niente te lo può impedire. È la legge del Grande Gabbiano, la Legge che È.»

«Stai dicendo che posso volare?»

«Dico che sei libero.»

Il reietto gabbiano che viene cacciato dallo Stormo Buonappetito perché interessato a volare, a sperimentare la propria natura oltre i limiti per essere più autenticamente sé stesso, ed essere poi qualcos’altro. Il reietto che diventa messia, maestro. Un Cristo alato che porta la parola e non giustifica l’inazione. Un personaggio indomito e libero che porta un “non messaggio” che sarà poi tramandato. Egli chiedeva amore e opere, volo e accoglienza. Nel tempo, però, altri si sono uniti alla causa della libertà… il nuovo capitolo inedito aiuta il lettore a non restare sospeso in un finale che si avvertiva forzato.

Appunti ritrovati e riportati alla luce che donano alla storia una nuova completezza, che mostrano al mondo i propri templi d’ignoranza, e imposizioni che si ritrovano attuali dal momento della composizione a quello della ricomparsa. 

Messia, discepoli e ascoltatori saranno uniti in un volo difficilissimo e pericoloso: il premio non riempie il ventre ma fa cibare insieme una comunità che può decidere di sfidare le mura erette dall’establishment, dal dogma. Governi e uomini sono colpevoli di perpetrare una schiavitù che si giustifica attraverso il sussurro che insegna all’uomo di essere inferiore, mai abbastanza, mai degno, mai libero. Pochi comandano masse abbandonate a uno stormo indistinto: la liberazione è una missione necessaria per tramandare quel senso del dono che sa spingersi anche fino all’estremo sacrificio. Un nichilismo attivo che non rinnega il futuro ma lo conosce, lo combatte, attraverso l’azione. 

La morte non esiste per chi sa spingersi verso visioni sempre superiori, diverse; verso stati di pensiero crescenti e in espansione, coinvolgendo anche il corpo fisico che c’è ma non è più limite. I veri illuminati sono coloro che si dissolvono con il disintegrarsi delle barriere imposte dall’esterno e dall’interno. 

Ciò non invita a una visione egoistica: l’amore è la vera essenza dell’esistenza, ma esso può partire solo dall’accettazione e il rispetto della propria unicità; uno stato superiore è poi abitabile grazie alla gentilezza, alla condivisione, al dono. 

CONSIDERAZIONI CON GLI OCCHI VIOLA

Un libro che ha avuto un grande successo e che molti hanno letto. I successi a volte sono democratici, questo libro non è democratico ma anarchico, rivoluzionario. Si può capire, nella lettura si possono appuntare pensieri illuminanti. Ma che fatica quelle lunghissime descrizioni sulle tecniche di volo. Snervante, faticoso. Un caso? Un feticismo per l’aviatore che è in Bach? No.

L’esercizio e il fare sono passaggi evolutivi che il lettore deve fare insieme ai gabbiani. Si fatica e si tenta; si sperimenta e si sfiorano i limiti di attenzione e stanchezza. Azione e pensiero sono necessari alla libertà, e si compenetrano in una collaborazione che l’essere deve poi saper proiettare verso l’esterno, verso l’altro.

Il rifiuto, l’annientamento, la formazione, l’insegnamento: i livelli che i gabbiani protagonisti affrontano in questa filosofica favola di piume, ali e ascenzioni.  Bach spinge il lettore al limite della possibilità di attenzione e comprensione, solo per decretarne il superamento possibile.

Il nuovo finale è forte, è la corrente perfetta per completare le evoluzioni a cui siamo stati chiamati nelle tre precedenti sezioni di lettura, di volo. Il sacrificio e non la rinuncia, l’accettazione ma anche la forza delle domande. Una lettura non facile che richiede picchiate, stalli e cadute. 

Bach dopo l’incidente ha ricordato e ha capito. 

L’autore resta un rivoluzionario che ha finito per incarnare nella sua esistenza le vicende dei gabbiani di cui racconta: la favola si è fatta profezia e a distanza di decenni, per chi sarà pronto o consapevole di poterlo essere, specchio di attualissime verità.

Ma quel gabbiano di che colore aveva gli occhi?

Se volete acquistare opere dell'autore basta cliccare QUI: grazie alla mia affiliazione con Amazon si aprirà la pagina dedicata nello shop. Se acquisterete tramite il mio link potrete permettere al Penny Blood Blog di ottenere delle monete virtuali, fornite da Amazon, da investire in altri volumi sui quali discorrere insieme!